Torta di mele

Sarà banale dirlo ma ai primi segni d’arresa da parte dell’estate si scatena subito il pensiero e il desiderio dell’autunno. Mi piace assaporare una torta di mele e lasciarmi coccolare dal pensiero che la stagione alle porte mi regalerà tanti altri pomeriggi ricchi di dolci!




<img


Quest’anno l’estate ha davvero giocato un brutto scherzo. Non che la cosa mi abbia procurato chissà quanto dispiacere. Sono stato al mare in totale tre volte. Ho superato il record: una volta a giugno, una volta a luglio e una volta ad agosto. Ah no, ci sono stato quattro volte, ma la quarta non posso considerarla una “giornata al mare”. In quell’occasione non mi sono nemmeno avvicinato all’acqua.



Sono stati diversi i fine settimana in cui ho preferito godermi la casa, pitturare e sistemare il mio studio senza riuscire a trovare un colore e una sistemazione definitiva, almeno per metà! argh! Ho scattato tante foto, mi sono allenato nella creazione delle composizioni con la frutta e ne ho mangiato altrettanta (dopo un piccolo crollo psico-fisico avvenuto a maggio ho deciso di equilibrare l’alimentazione e non far mancare mai frutta e verdura), senza rinunciare alle tante crostate. Più di quelle che una stagione calda come l’estate possa consentire. Ma chi se ne importa, io amo le crostate e avendo l’aria condizionata sono riuscito sempre, o quasi, a domare il burro e la sua ribellione da temperatura.



Così come tanti fine settimana che si rispettino, nei giorni scorsi ho preparato un dolce! L’idea è nata da una breve tappa al paese d’origine di mia madre. Lei era lì, vi si rifugia quando è in ferie o se per altri motivi non deve lavorare. Le mie zie hanno una piccola casa in campagna, quasi davanti al maestoso Nuraghe di Santu Antine, in provincia di Sassari. Trascorre il suo tempo in quella casa isolata, in compagnia di amici o parenti. Una casa e un grande terreno dove lo zio produce vino, coltiva frutta e credo anche qualche ortaggio. Il top del top sono le sue mele piccole. Ne ho mostrato alcune nelle stories del mio account Instagram e naturalmente ne ho portato via con me una grande busta. Qualcuna in più in previsione dei dolci e delle foto.



La torta, anzi le torte, di mele che ho preparato mi hanno stupito positivamente. Stavolta infatti ho riesumato una ricetta che avevo adocchiato in primavera e mi ero ripromesso di tentarla non appena avrei avuto le mele giuste. Devo ammettere che ho trovato un equilibrio di sapori davvero gradevole. Forse non avevo mai preparato una torta di mele così leggera. Conta che i dolci in cui c’è tanto burro mi mettono sempre a dura prova, ma questa ti assicuro, è davvero leggera. Le dosi che indico andranno benissimo per una tortiera da 24 cm o per due piccole da 15 cm. Ecco gli ingredienti:

  • 190 gr. di farina
  • 110 gr. di burro
  • 50 gr. di zucchero
  • 1 pz. di sale
  • 2 cucchiaini di lievito
  • mezzo bicchiere di panna fresca
  • un tuorlo
  • un cucchaio di cannella
  • un cucchiaino di zucchero
  • 4 mele

Accendi il forno a 180° – Versa in una ciotola la farina, lo zucchero, il sale, il lievito e unisci il burro freddo a piccoli pezzi. Aiutati con una frusta o una forchetta e fai in modo che il burro inizi ad assorbire le polveri. L’obiettivo non è creare un impasto liscio bensì ruvido e sabbioso. Unisci la panna  e il tuorlo. A questo punto l’impasto sarà leggermente più compatto ma lascia che resti grossolano. Sistemalo nella teglia precedentemente imburrata oppure spruzza del burro in spray, io mi trovo benissimo. Metti da parte e occupati delle mele: lavale, sbucciale e affettale il più fine possibile. Versale in un grande contenitore e aggiungi il cucchiaino di zucchero e il cucchiaio di cannella. Valuta tu se utilizzare questa dose o aumentarla. Sistemale in diagonale verso il centro seguendo la circonferenza della tortiera. Puoi anche disporre le fette parallele al bordo e seguire l’andamento a spirale. Gli effetti sono entrambi carini 🙂 Cuoci per 30 minuti ed estrai senza esitare perché sarà sicuramente cotta e  buonissima!





A presto!
Checco 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *