Crostone con speck Alto Adige IGP, pomodoro, brie e guacamole.

Come ti ho raccontato nel post introduttivo, la collaborazione con ISIT (Istituto Salumi Italiani Tutelati) mi ha visto impegnato nel progetto “Spunti(ni) creativi”. Io e altre blogger ci siamo cimentati nella realizzazione di alcune ricette in quel di Milano. Abbiamo preparato spuntini che valorizzassero i salumi a noi affidati, non senza aver compiuto un affondo nella storia di ISIT e nella vicenda che ha portato alla sua nascita.



La mia seconda ricetta vede come protagonista lo Speck Alto Adige!

Ma tu sapevi che si parla di speck (seppur con nomi diversi) fin dal ‘200? A testimoniarlo ci sarebbero alcuni regolamenti dei macellai dell’epoca in cui si menziona questo salume.

Forse non sai che lo speck è un prodotto che coniuga due metodi produttivi:

il metodo mediterraneo prevede che il prosciutto venga prodotto facendo asciugare le cosce di suino con aria e sale e il metodo nordico, secondo cui la preparazione del prosciutto avviene con sale, spezie e fumo.  In Alto Adige, terra d’incontro tra queste due culture, si è sviluppato un processo di produzione tipico locale. Si uniscono entrambi i metodi di preparazione del prosciutto, ovvero sia la stagionatura all’aria aperta che l’affumicatura, sfruttando i pregi di entrambi. Una combinazione che rende lo Speck Alto Adige un prosciutto unico e inconfondibile.

L’Alto Adige è un territorio molto piccolo ma molto particolare dove il clima mediterraneo incontra i paesaggi alpini e le tipiche atmosfere di montagna.

È stata proprio la sua posizione geografica a convincermi. Nell’ideare il mio Spuntino Creativo non avrei dovuto lasciare la strada che ha scritto secoli di storia, quella della trasmissione delle tradizioni e dello scambio.  Del resto, si sa, alcune tra le ricette più buone sono frutto di contaminazioni fra diverse culture.

Così ho immaginato lo speck, protagonista indiscusso del mio spuntino, unito alla tradizione nordica per sua stessa natura, arricchito da un formaggio di origine francese, il brie, e da una nota esotica che ho ritrovato nel pomodoro e nella salsa di avocado, più comunemente nota come guacamole, salsa di origine messicana, buonissima e dal colore verde vivace.

L’idea di chiudere la bellezza di tutti questi colori all’interno di un panino non mi entusiasmava, così ho pensato di tenerli ben in vista! E come se non preparando un croccante crostone?

Ecco quello che ti serve:

  • Pane
  • Speck Alto Adige IGP
  • Formaggio tipo brie
  • Pomodoro cuore di bue
  • Guacamole

Per prima cosa ho tagliato il pomodoro a fette di circa mezzo centimetro. Fette troppo sottili impedirebbero la giusta grigliatura e si romperebbero più facilmente.  Le ho lasciate grigliare per qualche minuto; il tanto di intravedere i segni della piastra ma senza che perdessero troppa acqua.

Mettiamo da parte e ci occupiamo del pane.



Taglia una fetta alta circa un 1,5 cm, aggiungi un filo d’olio e un pizzico di sale. Inforna a 160° per qualche minuto.



In base alla grandezza della fetta di pane, disponi quante fette di pomodoro grigliato sono sufficienti a ricoprirla. Adagia almeno tre fette di Speck Alto AdigeIGP e aggiungi il formaggio brie che avrai precedentemente tagliato.





Inforna nuovamente per 4 minuti e lascia che il formaggio si ammorbidisca ma non farlo sciogliere. Estrai dal forno e completa il tuo crostone con una generosa guarnitura di guacamole!



#SPUNTINI_CREATIVI

#ISIT

#speckaltoadigeigp #ADV

 

@isitsalumi @visitsouthtyrol

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *